Birdwatching a Lio Piccolo

Il birdwatching, e cioè l’osservazione, l’ascolto e lo studio degli uccelli, è un’attività che sta coinvolgendo, in maniera esponenziale, sempre più italiani, ed appassionati di tutto il mondo, e la località di Lio Piccolo ne è un esempio. La nostra nazione si sta così allineando con molti altri paesi del mondo (USA, Regno Unito, Olanda, Germania, ecc.) dove questo hobby è una vera e propria passione nazionale.

La Laguna di Venezia con i suoi 550.000 ettari di superfice è una delle zone umide più importanti dell’intero bacino mediterraneo, in special modo durante i periodi delle migrazioni e nei mesi invernali quando gli uccelli arrivano a superare i 500.000 esemplari.

In questo contesto la zona di Lio Piccolo, situata all’interno del Comune di Cavallino-Treporti, è l’hot-spot per eccellenza dove effettuare il birdwatching. Moltissime sono infatti le specie osservabili durante le varie stagioni dell’anno.

Come arrivare a Lio Piccolo per fare Birdwatching

Entrati nel Comune di Cavallino-Treporti dovrete seguire le indicazioni per Ca’Savio per poi proseguire verso Treporti, superato il centro abitato si imbocca una piccola via che attraversa le valli da pesca Valle Sacchetta e Valle Palezza e le barene fino ad arrivare all’antico borgo di Lio Piccolo, durante il tragitto avrete già la possibilità di ammirare molte specie di uccelli.

Quali sono le stagionalità e le specie di uccelli che posso vedere a Lio Piccolo ?

Già da metà luglio, proprio mentre noi ci trasferiamo nelle località balneari magari nella bella spiaggia di Cavallino Treporti ed inizia la nostra estate, per molti uccelli comincia la migrazione di ritorno. Una volta allevati i piccoli e quando quest’ultimi hanno preso confidenza con il volo inizia un lungo viaggio verso le zone più a sud.

Per gli uccelli acquatici la Laguna di Venezia risulta un luogo ottimale per passare qualche mese ad accumulare grasso per poi proseguire verso la costa africana. Infatti i movimenti delle maree fanno emergere, periodicamente durante la giornata, le velme : vaste aree melmose solitamente sommerse dall’acqua e ricche di alimentazione ( anellidi, crostacei,  molluschi e piccoli pesci) per gli uccelli.

Strada nelle barene di Lio Piccolo

In questo periodo a Lio Piccolo non è difficile osservare il CHIURLO MAGGIORE, il PIRO PIRO CULBIANCO o la PIVIERESSA ancora con il bellissimo piumaggio estivo. Dalle zone più a nord dell’Europa e dalla Russia arrivano a migliaia i PIOVANELLI PANCIANERA alcuni proseguiranno nella migrazione, altri passeranno l’interno inverno in laguna, formando grossi stormi composti da migliaia di individui.

Man mano che le giornate si accorciano e le temperature si abbassano Lio Piccolo diventa un vero e proprio aeroporto con uccelli che arrivano e partono ogni giorno. Ecco che tra i piovanelli pancianera appare il PIOVANELLO MAGGIORE, il VOLTAPIETRE, il TOTANO MORO e la PANTANA.

Quando la marea si ritira osservando con attenzione dal lato della strada che volge alle barene tra i limicoli sopra citati, con un po’ di fortuna, si possono scorgere, trampolieri più rari come il GAMBECCHIO, il GAMBECCHIO FRULLINO od addirittura il PIOVANELLO VIOLETTO.

Con le prime giornate fredde arrivano i contingenti più importanti delle anatre, le vere regine delle valli da pesca. In questi luoghi gli anatidi trovano l’habitat ideale per passare l’inverno. Sempre dalla strada principale è possibile scorgere, sia posate che in volo, l’ALZAVOLA, IL GERMANO REALE, la CANAPIGLIA, Il MESTOLONE, il FISCHIONE, Il CODONE ed il MORIGLIONE.

Il CORMORANO è un altro uccello che possiamo incontrare frequentemente durante l’inverno assieme al, più piccolo MARANGONE MINORE spesso posati sulle tamerici che caratterizzano gli argini vallivi. Tutta la zona vede una buona presenza sia dell’AIRONE CENERINO sia dell’AIRONE BIANCO MAGGIORE ed anche la VOLPOCA raggiunge alcuni inverni numeri ragguardevoli.

Nei campi coltivati, che si alternano tra valli e laguna in un interessantissimo scacchiere di biotopi, possiamo trovare numerosi passeriformi, qui è ancora comune la PASSERA D’ITALIA e numerosi gruppi di fringillidi svernano tra le stoppie dei campi in particolar modo FRINGUELLI, CARDELLINI e VERDONI.

Birdwatching Cavaliere d'Italia
Cavaliere d’Itialia – Photo Ballarin Mauro

Nel canneto è possibile osservare il MIGLIARINO DI PALUDE Questo gran numero di uccellini sono spesso prede dello SPARVIERE ben diffuso in zona, mentre tra i rapaci bisogna segnalare la presenza della POIANA e dell’ALBANELLA REALE.

La fine dell’inverno è sempre più spesso caratterizzata dal chiassoso passaggio delle GRU che ultimamente hanno scelto rotte migratorie che attraversano le nostre zone. Sta per iniziare la migrazione primaverile: gli uccelli svernanti cominciano a calare di numero e cominciamo i nuovi arrivi.

In questo periodo è bello percorrere a piedi un sentiero che dal Borgo di Lio Piccolo costeggia la Valle Olivara da un lato abbiamo la laguna dall’altro la valle inutile dire che qui il birdwatching risulta sempre molto interessante.

In laguna ecco i primi CHIURLI PICCOLI e la BECCACCIA DI MARE che comincia a formare le coppie, nelle valli è facile ammirare il FENICOTTERO ROSA.

Il Fenicottero questo bellissimo animale era sconosciuto in Laguna di Venezia dove è apparso nei primi anni di questo secolo, oggi Lio Piccolo è per antonomasia il luogo dove osservarli (talvolta in gruppi di 500/600 esemplari) e sono proprio i mesi primaverili il periodo migliore per osservarli da vicino. Sempre nella passeggiata lungo l’argine si possono vedere la SPATOLA, la GARZETTA, l’IBIS SACRO, il CIGNO REALE, il MARTI PESCATORE, il BECCAMOSCHINO.

Tra aprile e maggio tutti gli arrivi sono completati e tutta l’area diventa ancor più un paradiso per gli amanti della biodiversità. Gli uccelli che hanno svernato in Africa cominciano ad accoppiarsi e costruire il nido così tra barene e valli è tutto un frenetico formarsi di coppie AVOCETTE, CAVALIERI D’ITALIA e PETTEGOLE sono facilmente fotografabili per gli amanti del birdwatching dalle apposite piazzole di sosta poste lungo la strada. Tra gli aironi ecco riapparire l’AIRONE ROSSO, la SGARZA CIUFFETTO, il TARABUSINO e verso l’imbrunire la NITTICORA.

Gabbiano Corallino
Gabbiano Corallino – Photo Ballarin Mauro

Le coltivazioni di ortaggi mantengono un habitat rurale con caratteristiche tradizionali ed è per questo che la RONDINE, la STERPAZZOLA, l’AVERLA PICCOLA, il GRUCCIONE, l’UPUPA possono finire facilmente nel taccuino delle osservazioni. Le valli di Lio Piccolo diventano un perfetto luogo per la nidificazione di molti uccelli acquatici dal FALCO DI PALUDE alla FOLAGA, tra queste Valle Sacchetta e Sacchettina rappresenta un’ eccellenza. Una attenta gestione ambientale dei 112 ettari che la compongono l’hanno fatta diventare un esempio unico in laguna e non solo.

Al suo interno ogni estate si forma una delle colonie di GABBIANO CORALLINO più importanti d’Europa a cui si aggiungono le nidificazioni del GABBIANO COMUNE e di alcune coppie di GABBIANO REALE. Si riproducono inoltre tutte le principali sterne italiane la STERNA COMUNE, il BECCAPESCI ed il FRATICELLO. In passato alcuni laridi nati in questa valle sono stati marcati con anelli colorati ed oggi è possibile avere un idea dei movimenti migratori degli uccelli di Valle Sacchetta e Sachettina.

La proprietà, a rimarcare la sua vocazione di attenzione alla conservazione degli ecosistemi e all’educazione ambientale ha recentemente aperto i cancelli per delle visite guidate dove birdwatchers, fotografi naturalisti ed appassionati possono ammirare da vicino la biodiversità tipica dell’ambiente vallivo ed ascoltare, da guide professionali specializzate, la biologia ed i comportamenti etologici delle singole specie. Un luogo unico per gli uccelli sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, ammirato da mezza Europa che non può non essere visitato.

Come posso fare Birdwatching a Lio Piccolo ?

Il consiglio che possiamo darvi e di affidarvi ad una guida naturalistica dove possa accompagnarvi e spiegarvi dettagliatamente gli uccelli ed il territorio del Cavallino. La persona che effettua questo servizio è Alessandro Sartori che saprà farvi vivere delle giornate meravigliose facendo Birdwatching a Lio Piccolo

Alessandro-Sartori

ALESSANDRO SARTORI
[email protected]